Curricolo di Istituto

CURRICOLO DI SCUOLA

L’identità culturale, educativa e progettuale che caratterizza l’istituto si esprime nel curricolo elaborato dalla scuola, sempre nel rispetto delle indicazioni nazionali e delle linee guida, e nelle caratteristiche del processo di apprendimento/insegnamento posto in essere.
La strutturazione del curricolo tiene in dovuta considerazione la molteplicità delle motivazioni e dei bisogni formativi ed educativi degli alunni concretamente rilevati.
Nello specifico si occupa dei BES, incluse le aspettative degli studenti capaci e meritevoli, della molteplicità degli stili di apprendimento, delle attese espresse dalle famiglie e dal contesto territoriale, della necessità di garantire un corretto e continuo orientamento e ri-orientamento in funzione dell’occupability o del sereno proseguimento degli studi post-secondari.
La valorizzazione della persona umana, la crescita educativa, culturale e professionale e la formazione del cittadino europeo, rappresentano i cardini fondanti il nostro Piano dell’Offerta Formativa Triennale. In quanto Istituto Professionale, la Scuola è impegnata a fornire agli alunni che la frequentano, le conoscenze e gli strumenti critici e metodologici che li mettano in grado di affrontare la continua e rapida evoluzione delle tecnologie e dei sistemi formativi attraverso competenze professionali approfondite, aggiornate e spendibili nel settore turistico e della ristorazione nazionale e internazionale.

EVENTUALI ASPETTI QUALIFICANTI DEL CURRICOLO

Curricolo Verticale

Il curricolo della scuola rientra nel processo di definizione degli apprendimenti delineati dal corpo docente ed è frutto di un intenso lavoro collettivo, che ha coinvolto per più di un anno tutti i docenti dell’Istituto; esso è l’espressione della libertà di insegnamento e dell’autonomia scolastica e al tempo stesso esprime le scelte della comunità professionale docente e l’identità dell’Istituto.
La stesura del curricolo è avvenuta secondo quanto disposto nelle Linee guida per gli Istituti tecnici e professionali e rappresenta, per il corpo docente, uno strumento didattico utile per lo sviluppo e l’organizzazione della ricerca e per l’innovazione educativa.
Nel curricolo si trovano esposti i nuclei fondanti e i contenuti imprescindibili intorno ai quali il legislatore ha individuato un patrimonio culturale comune condiviso. 
Le Linee Guida in merito a tale patrimonio sono state recepite dalla scuola attraverso un percorso di analisi che ha portato alla redazione del curricolo; esso  è suddiviso per indirizzo e articolato in sezioni, ciascuna dedicata ad una disciplina o ad un ambito disciplinare.
Ogni sezione è nata dall’attività concertata dei docenti componenti i singoli Dipartimenti ed espone il profilo disciplinare per l’intero arco temporale previsto per l’insegnamento/apprendimento della materia.

Proposta formativa per lo sviluppo delle competenze trasversali

Le aspettative che la società e le istituzioni nutrono nei confronti della scuola sono sempre più ampie; ad essa sono attribuiti compiti  e responsabilità che  nella realtà quotidiana  rappresentano  vere e proprie sfide  nel formare  l’alunno – cittadino-professionista, nel rispondere alle istanze delle famiglie, nella ricaduta positiva sull’intera  comunità sociale, compiti  che vanno ben oltre le conoscenze e le abilità riferite al mero ambito disciplinare. In tal contesto si ritengono qualificanti per l’Offerta Formativa , gli interventi  relativi alle sottoindicate aree 

AREA  UMANISTICA:
• Valorizzazione e potenziamento delle competenze linguistiche con particolare riferimento all’italiano e alle lingue dell’Unione europea;
• prevenzione e contrasto della dispersione scolastica, di ogni forma di discriminazione e del bullismo, anche informativo;
• potenziamento dell’inclusione scolastica e del diritto allo studio degli alunni con BES;
• valorizzazione di percorsi formativi individualizzati e coinvolgimento degli alunni;
• alfabetizzazione e perfezionamento dell’italiano come seconda lingua;
• definizione di un sistema di orientamento.
 
AREA  LINGUISTICA:
• valorizzazione e potenziamento delle competenze linguistiche;
• attuazione di percorsi in micro lingua;
• realizzazione di attività formative propedeutiche al conseguimento delle certificazioni;
• realizzazione di progetti di scambio culturale e linguistico (gemellaggi);
• varie forme di mobilità degli studenti, dei docenti e del personale (erasmus 
 
AMBITO SCIENTIFICO  MATEMATICA :
• potenziamento delle competenze matematico-logiche e scientifiche;
• valorizzazione di percorsi formativi individualizzati e coinvolgimento degli alunni ;
• individuazione di percorsi e di sistemi funzionali alla premialità e alla valorizzazione del merito degli studenti.
 
CITTADINANZA E LEGALITA’:
• sviluppo delle competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica attraverso la valorizzazione dell’educazione interculturale e alla pace, il rispetto delle diversità e delle differenze, anche di genere, il dialogo fra culture, il sostegno dell’assunzione di responsabilità nonché della solidarietà e della cura dei beni comuni e della consapevolezza dei diritti e dei doveri; • potenziamento delle conoscenze in materia giuridica ed economico-finanziaria e di educazione all’autoimprenditorialità;
• sviluppo di comportamenti responsabili ispirati alla conoscenza e al rispetto della legalità, della sostenibilità ambientale, dei beni paesaggistici, del patrimonio e delle attività culturali;
• prevenzione e contrasto della dispersione scolastica, di ogni forma di discriminazione e del bullismo anche informatico; • potenziamento dell’inclusione scolastica e del diritto allo studio degli alunni anche con BES.
 
AMBITO LABORATORIALE:
• sviluppo delle competenze digitali degli studenti, con particolare riguardo al pensiero computazionale, all’utilizzo critico e consapevole dei social network e dei media nonché alla produzione e ai legami con il mondo del lavoro; • potenziamento delle metodologie laboratoriali e delle attività di laboratorio; • incrementare e valorizzare il territorio locale mediante la promozione di una geografia turistico enogastronomica, coniugata con la riscoperta della storia e dell’arte che connotano la nostra identità territoriale e nazionale.
 
SALUTE 
• potenziamento delle discipline motorie e sviluppo di comportamenti ispirati ad uno stile di vita sano
• costruzione di percorsi di studio volti alla cultura della prevenzione  potenziamento delle discipline inerenti all’alimentazione e approfondimento degli aspetti legati alla nutrizione e alle intolleranze alimentari. Particolare spazio va dato alla progettazione di percorsi formativi di contrasto alle dipendenze ed alle più frequenti situazioni di devianze giovanili.
 
SICUREZZA
Obiettivi prioritari sono:
• un’attenta e costante attività di monitoraggio delle situazioni di rischio degli edifici che permetta di ridurre le situazioni di rischio e favorisca la serena agibilità degli ambienti scolastici;
• progettazione e realizzazione di percorsi di informazione e di formazione volti a favorire sia l’acquisizione di una complessiva cultura della sicurezza sia l’assunzione di specifici comportamenti corretti in caso di emergenze fisiche;
• progettazione e realizzazione di percorsi di formazione specifica del nostro Istituto sia per docenti che per studenti.
 
VISITE GUIDATE E VIAGGI  DI ISTRUZIONE
• Progettare viaggi e visite di istruzione che si inseriscano in maniera omogenea e trasversale in un percorso didattico - culturale;
• progettare viaggi e visite di istruzione che favoriscano l’incontro degli studenti con il patrimonio storico e artistico del territorio, regionale, nazionale   ed europeo, al fine di favorire l’apertura alle diverse storie ed identità culturali;
• progettare viaggi e visite di istruzione professionalizzanti.
 
INNOVAZIONE DIGITALE E DIDATTICA LABORATORIALE
Promuovere lo sviluppo delle competenze digitali dell’intera comunità scolastica, anche mediante la cooperazione con: Università, Associazioni, organismi del terzo settore, imprese ed enti datoriali. Il Potenziare gli strumenti didattici, laboratoriali ed amministrativi necessari a migliorare anche l’attività amministrativa della scuola, favorendo l’innovazione tecnologica, in linea con PNSD.
 
ORIENTAMENTO E PERCORSI PER LE COMPETENZE TRASVERSALI
La scuola, anche in collaborazione con enti esterni, aziende ed associazioni di settore dovrà: • garantire agli allievi l’informazione più adeguata sugli sbocchi professionali ed occupazionali e sulle opportunità di apprendimento offerti dal sistema di istruzione e formazione anche superiore, collegati alle diverse scelte formative; • fornire agli studenti strumenti per l’autoanalisi dei proprio interessi e attitudini, al fine di consentire una scelta consapevole dei percorsi di studio e\o di lavoro e lo sviluppo di una capacità di autovalutazione dei risultati da conseguire; • garantire una comunicazione puntuale alle scuole del primo ciclo di istruzione e alle famiglie; • organizzare attività di stage e percorsi di ASL, in modalità integrativa e\o aggiuntiva; • organizzare attività di impresa simulata; • organizzare visite alle imprese del territorio; • organizzare interventi di esperti e di imprenditori del territorio; • documentare e certificare le competenze acquisite in ambito professionale per la costruzione del curriculum dello studente.
 
PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE E REGIONALE 2014/2020
La nostra scuola dovrà cogliere le opportunità offerte dalla partecipazione ai Bandi PON e POR. Partendo dal RAV, mediante la predisposizione di un Piano di miglioramento, su un’autodiagnosi dei fattori di criticità, sarà possibile costituire l’insieme di proposte di azioni (FSE – FESR) con cu ila scuola intende affrontare le esigenze proprie e della comunità di riferimento, attraverso gli interventi previsti dalla Programmazione dei Fondi Strutturali Europei nei suoi diversi assi. 
 
PIANO DI FORMAZIONE DOCENTI E ATA Il PTOF deve prevedere: • percorsi formativi finalizzati al miglioramento delle professionalità, all’innovazione tecnologica, agli stili di insegnamento, alla valutazione, alla gestione del clima di classe e della relazione con studenti e famiglie; • percorsi formativi per il personale ATA volti ad accrescere le competenze digitali utili alla progressiva dematerializzazione dei processi e degli atti amministrativo-contabili, nell’ottica di una migliore efficienza organizzativa del servizio.
 
TERRITORI E RETI Nella progettazione e realizzazione delle attività, in linea con le finalità formative ed educative della comunità scolastica e con gli obiettivi specifici della progettazione didattica la scuola dovrà avviare o accrescere reti e partnership con istituzioni, enti ed associazioni operanti sul territorio.
 
UTILIZZO DELLA QUOTA DELL'AUTONOMIA
La nostra scuola, in base al decreto legislativo 61 del 13 aprile 2017, per il rilancio dell’istruzione professionale, punta ad aumentare la qualità educativa, la consapevolezza e la responsabilità dei futuri operatori. La scuola con più insegnanti tecnico-pratici, in piena integrazione con gli insegnanti curricolari, offre a suoi studenti gli strumenti per crescere e costruirsi un futuro in ulteriori percorsi di studio o direttamente nel mondo del lavoro. 
In base a tali presupposti e indicazioni il quadro orario delle classi prime e seconde, utilizzando la quota dell'autonomia e avvalendosi della compresenza di diverse discipline, raggiunge 33 ore settimanale per i percorsi IP e IeFP con alcune variazioni, mentre per il triennio ne sono previste 32 così come si evince dai quadri orari in allegato.